enzopaparo

Numero 4

Numero 3

Numero 2

Numero 1

Articolo su Italia Avanguardista a cura di Erica Donzella

Articolo scritto dalla giornalista e direttrice di Italia Avanguardista, Erica Donzella, riguardante la mostra “Angeli della Materia” .

Di seguito il link: Articolo su Italia Avanguardista

Stralcio dell’articolo :

“La dicotomia della materia e dell’Es, nodo epocale di domanda sempre aperta, ritratta su tela. Angeli e demoni, Giano bifronte dell’Arte, della vita. Ombretta Di Bella offre molto di più di una semplice mostra con i suoi “Angeli della materia”.
Poichè “ognuno cerca il proprio angelo e il proprio demone”, ciò che si propone attraverso il tratto emotivo dell’artista diviene sempre punto di domanda e di ricerca esponenziale del proprio Io. Legno, carta, colla, terre su sfondi di sughero e compensato. Perchè siamo fatti di materia e di luce, che su di essa di decompone e si sfalda nei contorni bui della passione umana. Le tele dell’artista sono punti interrogativi essenziali che manifestano una bipolarità sempre poco manifesta, nell’epoca di quella stessa “materia” che ci consuma e ci possiede quotidianamente.” ( Da Italia Avanguardista , articolo del 22 marzo 2012)

Della medesima mostra è stato pubblicato l’articolo sul giornale “La Sicilia” (giorno 16/06/12, pag. 43, ed. Catania).

Segue articolo allegato:

Nudo

Donna asiatica 2

Donna asiatica

Articolo sulla Rivista letteraria LUNARIONUOVO

Articolo “Donna: dignità. pudore e sensualità”, scritto da Ombretta Di Bella e Pubblicato sulla Rivista letteraria LUNARIONUOVO diretta da Mario Grasso.

Di seguito il link : Articolo su LUNARIONUOVO

Stralcio dell’articolo :

“L’artista presenta un ciclo pittorico particolarmente significativo.
Il tema pregnante della produzione è la donna, toccando tre ambiti particolarmente delicati: il rifiuto all’abuso e quindi critica alla violenza sulle donne, il pudore e la sensualità. La mostra offre contrasti termici e pose nette, specchio dell’antitesi forza- fragilità, pudore-abuso.” (Da LUNARIONUOVO, 2012, Approssimazioni critiche, Giugno, n. 51/53 nuova serie, sala Nicola Abbagnano).

Della medesima mostra è stata pubblicata la breve sul giornale “La Sicilia” (giorno 08/06/2012 pag 45 ed. Catania).

Segue articolo allegato:

Relazione critica sulle opere dell'artista Marina Pappalardo

Percorso tecnico – filosofico dell’artista fino ad oggi

La produzione iniziale è caratterizzata da varie sperimentazioni, da quelle impressioniste alle icone religiose, fino a legare la fotografia e la passione per il nudo.
Tra queste si denota un profondo valore morale.

Finiti gli studi ha iniziato a slegarsi dal metodo accademico, dedicandosi pienamente alla produzione di ritratti e dipinti dal vero, facendo diversi dipinti su commissione: ritratti, icone e paesaggi.
Nelle opere personali si nota un senso del fantastico, onirico, a metà tra il fantasy e il simbolismo.

Disegni e ritratti a carboncino

Sin dai primi studi si evince, nella scelta di soggetti umani, la passione per il ritratto e la figura. Il segno e il colore sono valorizzati alla stessa stregua, senza che uno prevalga l’altro.

» Leggi tutto

Pagine:« Precedente12...18192021